29 novembre 2005

Mezzanotte e un quarto. Ho appena scoperto ilsito ufficiale della DGM, che vende live dei king crimson a prezzi NON concorrenziali, ma quando ti si pare innanzi l'arte è sciocco e provinciale cercare di resisterle.
Fungus ha suonato un paio di volte nell'ultimo mese, e c'è stato anche l'esordio dell'ottimo Tony (o Tox, o Mr.T... ma quanti nomi ha quest'uomo?). Il momento topico è durante una serata a Murta, si rompe una corda del mio basso ed impreco a voce sufficientemente alta da sopravanzare gli amplificatori. Tony mi guarda con gli occhi sbarrati ... ("Oh No! Avrò sbagliato qualcosa?" sta pensando). Io ho gli occhi iniettati di odio... e una corda che penzola!

Nel frattempo continua a ritmo tartarughesco la mia produzione casalinga di brani, siamo a circa 4 o 5 finiti in 3 anni .... ma sono almeno una ventina quelli iniziati. Con l'anno nuovo prometto di finire qualcosina. Ma qualcuno sarà interessato? E qualcuno leggerà questo blog? Chi può dirlo? (che grande invenzione il punto interrogativo. è l'ideale quando hai un lavoro che deve essere ancora terminato; cosa fai? poni una domanda! anzi: poni una domanda? ma sì, perché no?)

10 ottobre 2005

Il curioso nome, pilonidale, se non erro deriva da "pilo": la schifezza che mi ha tenuto confinato in ospedale per 11 giorni non è altro che una cisti che si è sviluppata intorno ad una massa di inutili, disgustosi, fastidiosi peletti che si sono formati sotto la mia chiappa destra. Pare che da qualche anno gli italiani abbiano appreso il significato della parola "gluteo", perciò parliamo del mio gluteo destro, poco cambia. Questo simpatico ciuffetto di peli mi ha costretto a letto per poco di più di una settimana, per la mia prima esperienza di ricovero ospedaliero. Dopo tutto, non è andata male: mi sono ritrovato circondato da curiosi e interessanti personaggi: un simpatico (e polemico) sessantenne, dedito a rumorose flatulenze quotidiane in seguito ad un'operazione intestinale; un tranquillo e posato manager, che ha rinunciato a qualche giorno di affari e profitti per rimuovere quel che credeva un mandarino (ma in realtà era un pompelmo) dall'ascella; un bambino, più spaventato che sofferente, provato da un'appendicite (sì, dovrei dire una "banale" appendicite, ma sto apprendendo che qualunque dolore non è mai banale, anche se con quest'ultima affermazione rischio di scivolare nella retorica).
Ospedale come sospensione dalla quotidianità, per immergermi in altri ritmi, ancora più scanditi, ancora più prevedibili; l'unica sorpresa sembra essere la data di dimissione, che slitta, slitta, slitta in avanti. Ho tempo per leggere, finalmente: ho tempo per uno Jodorowski arretrato, carico della solita gioiosa e sanguinolenta follia, ho tempo per un libro di fantascienza (acqua, luce, gas di Matt Ruff) che nelle premesse è molto "Vonnegutiano", ma poi si rivela alla lunga un caleidoscopio di invenzioni a cui è arduo tenere testa dall'inizio alla fine: a Genova si usa l'espressione "farla fuori dal bulacco (o dal vasino)", direi che comunque c'è molta, troppa carne al fuoco; ma le tante invenzioni e il ritmo serrato mi hanno tenuto ilare e vigile mentre intorno a me le flatulenze non accennavano a diminuire di intensità o frequenza.
E, poi, e poi il "fagiolino" bianco, l'ipod, con titoli vergognosamente muffosi (che copioincollo, perché per fortuna le statistiche vengono automatiche ): Marillion - misplaced childhood, Kevin Ayers - Shooting At The Moon, The Mars Volta - frances the mute , Gong - You, The Best Of Jefferson Airplane, King Crimson - Starless And Bible Black / Thrak, Emerson, Lake & Palmer - Same, Soft Machine - Volume 2, Phish - Billy Breathes, Sigur Ros - Agaetis Byrjun (è ottimo per prendere sonno quando tutta la stanza intorno a te russa...), Led Zeppelin - II, Rush - 2112, Peter Gabriel - III, Neil Young - After The Gold Rush, Morphine - Cure For Pain (titolo "ospedaliero", a pensarci un attimo...), Genesis - Nursery Cryme, De André - Anime Salve.
Ora stacco, la mia vita per un po' sarà tranquilla e ritirata, e ci avviciniamo a mezzanotte!

21 agosto 2005

Appena tornato dalla prima parte delle mie vacanze; sì, la prima pparte, devo dire che posso considerarmi fortunato perché tra poco torno in vacanza. Ma anche adesso sono in vacanza, a dire il vero! Però, il fatto di essere a Genova, nonostante la mia assenza di impegni, mi fa sentire solo parzialmente in vacanza.

Al vigile...

Sei sempre stato in cima ai miei pensieri, alle mie personali classifiche di simpatia; ho sempre amato certi tuoi piccoli scherzetti, come il far sì che mi arrivi in pieno agosto un "atto giudiziario", e rimanga visibile nella cassetta postale per una decina di giorni. Ti voglio bene perché la mattina amo girare in tondo per le vie del centro e cercarti con la coda dell'occhio, e sperare che tu sia abbia appena effettuato, implacabile, i severi controlli per evitarti in un gioco infantile che ricorda le amate "guardie e ladri". Apprezzo la solerzia con cui ad ogni minimo sgarro annoti la mia targa, e nel silenzio della tua cameretta compili con calma la contravvenzione. E con calma olimpica la spedisci, in modo tale che io possa esercitare le mie farraginose tecniche mnemoniche e le mie arti dialettiche per contestarti; ma sai che non lo farò, birbone! sai bene che non mi ricordo per quale motivo abbia parcheggiato in un modo così antisociale una mattina di quattro mesi fa. E , infine, cosa ti rende tanto amabile al mio occhio è il tuo impagabile senso dell'umorismo: perché non mi notificasti subito il divieto di sosta? ma perché ero assente al momento della contestazione! ah, le matte risate valgono bene 82 euro!
Saluti e buona estate dalla tua vittima ideale!

02 agosto 2005

Fa caldo. ma direi che è quantomeno logico, siamo in agosto. Il Genoa galleggia, anzi rimbalza , tra serie a e serie c: sarà serie b, forse. Ciò che mi stupisce è che la maggioranza dei genoani aderisca alla teoria del complotto e vada a manifestare in piazza, invece di prendere capienti taniche di benzina e dirigersi verso la dimora del beneamato presidente.
Mah.
Avei voglia di una bella suonatina all'aperto, birra a fiumi, belle fans alteebionde e assoli interminabili che i grateful dead a confronto sono dei centometristi (e noi , of course, i maratoneti); invece mi toccano mixaggi notturni in cuffia con ale, e perdo l'alimentatore del mio prezioso portatile, e la scheda audio va fuori sincronia, e se mi attacco alle casse arriva il signor L. e comincia a fischiare (sì, lui si affaccia alla finestra e fischia: e il suo fischio significa prosaicamente: "sto per romperti il culo"). E poi i mixaggi finiscono alle quattro del mattino, e Willy ascolterà e dirà "questa cassa suona malissimo".
Mah.
Ho trovato per caso su ebay le carte di Magic. Un tempo giocavo a Magic, e ogni tanto mi spunta la curiosità di scoprire che fine abbiano fatto i giocatori, le regole, le carte; credo che le mie carte valgano qualche euro, ma sinceramente non impazzisco dalla voglia di imbastire un'asta online (e seguirla...), e trovarmi magari di fronte dei ragazzini assatanati che dichiarano che "no, questa carta non è mint, ma near mint" , eccheccazz... credo che le carte rimarranno in fondo a un cassetto ancora qualche mese / anno. Però un black lotus (UNA carta) si vende a MILLE euro. E il black lotus finto (sì, vendono anche quello finto) va a 100 euro: una delle fotocopie più care della storia?
Mah.

29 giugno 2005

E' pomeriggio, ho sonno; dormo poco in questo periodo, la sera trovo difficile addormentarmi perché c'è sempre qualche attività differente dal *dormire* che attragga la mia attenzione. Ultimamente mi piace giracchiare per negozi virtuali alla ricerca di strumenti musicali; mi ritrovo abbastanza indeciso sull'acquisto dello steinberger spirit, forse il basso più anni '80 che ci sia; il prezzo è buono, ma non ci devo cascare non ci devo cascare non ci devo cascare! Piuttosto, forse forse mi servirebbe una chitarra per il mio ipotetico "disco solista" ; effettivamente, ho un bel po' di idee che vorrei tradurre in musica e la chitarra elettrica sarebbe un ausilio quasi fondamentale nelle mie sedute notturne. Quando uso lo stick in luogo dell'elettrica, l'attacco è troppo differente per poterlo processare come una chitarra in amplitube o simili.
Ultimamente ha girato un po' sui miei "piatti" un dischetto discreto, quello di Ben Harper & Blind Boys Of Alabama, in cui si stemperano le velleità commerciali del buon Ben (che intanto ormai ha realizzato un discreto profitto) e sembra venire fuori un bel po' di anima in chiave (quasi) gospel.

12 giugno 2005

l'11 giugno è il giorno che aspetto da mesi e mesi, qualcuno lo attende da anni: i van der graaf generator si sono riformati. Muffa, li chiamerà qualcuno, e so che sono anzianotti anagraficamente, anni che non vanno in tour, e probabilmente hanno poco di nuovo da dire. Ma il "vecchio" materiale è teso, vibrante, folgorante, scava nella psiche dell'immenso Hammill e la sviscera facendola diventare illuminazione. Il concerto tecnicamente non è perfetto, i volumi e le equalizzazioni tendono a soffocare l'ottimo Jackson, mentre a tratti la tensione si traduce in volume e stridore e sanguinare d'orecchie. Ma il Generatore è energia, sudore, lacrime e gioia, lente traversate verso il tramonto e sghembe camminate di sonnambuli. Se fosse stato tutto perfetto non sarebbe stato così bello; come nei loro dischi, in cui l'imperfezione lascia sempre piccole vitali macchie.

28 maggio 2005

arieccomi qui!
busalla, 27 maggio, liberi operai: esordio di Massimo ( già fungusnominato Max Power) alla voce, con un repertorio in parte dettato dalla fretta, abbiamo avuto poche occasioni di provare, e ciò ci ha dato l'occasione di sbizzarrirci maggiormente dal punto di vista puramente improvvisativo. buona anche la prestazione di Max, e ottima , ribadisco ottima, un'improvvisazione con il sempre inquietante e diabolico giro di terze minori. Pubblico abbastanza caloroso, mi pare che abbia gradito maggiormente i momenti in cui effettivamente eravamo più caldi anche noi, quelli in cui l'improvvisazione sembrava sfuggirci per continuare quasi motu proprio

16 maggio 2005

domenica mattina la sveglia mi ruba un paio di ore di legittimo e meritato riposo. Un amico mi trascina al MARC, la fiera dei radioamatori e della varia (ed eventuale) elettronica. Difficilmente si vedono luoghi con tale concentrazione di nerds e , di conseguenza, con sì bassa presenza femminile, se si escludono alcune procaci donzelle, evidentemente nel ruolo di specchietti per le allodole. Comunque, anche io alla fine rivelo la mia appartenenza alla triste e mesta tribù dei nerds, ed esco fiero dalla fiera con una ricca dotazione di cd e dvd vergini e vari ammenicoli.

12 maggio 2005

Una ventina di giorni che non scrivo qui. In breve, cosa è successo...
- un weekend a Siena e dintorni, e per la prima volta (a 29 anni) sono riuscito a vedere Pisa e la sua miracolosa Piazza...
- ascolti discografici fondamentalmente incentrati sui Van Der Graaf Generator, a scopo preparatorio per il concerto (tra un mese a milano... comincio a rabbrividire alla sola idea)
- ho ripreso (per la millesima volta) lo stick in mano, spero che sia la volta buona che non smetto di esercitarmi
- ho ripreso anche a fare foto analogiche, anche se la digitale nel piccolo formato (e sul monitor ovviamente ...) è quasi imbattibile
- sta per arrivare un iMac g5...

accludo foto in stile cartolinesco spinto, "tramonto su recco" (prima di mangiare una focaccia al formaggio quotata poco meno dell'oro...)

24 aprile 2005

Suoniamo a Montoggio, all’Antico Ponte. Pubblico pochino, perché in questo weekend lungo sembra che mezza Genova sia fuori Genova. Ma non a Montoggio. Serata discreta, comunque, e molto divertente; io mi sono divertito, il gruppo si è divertito, il pubblico si è divertito. Promossi.

20 aprile 2005

Incredibile ma vero, abbiamo dei fans. E ci vogliono anche incontrare…grazie alla potenza della rete altri genovesi (che lavorano a pochi metri da me, peraltro) hanno scovato il sito, e il gruppo, e noi. Naturalmente, una volta provata la loro esistenza non abbiamo potuto faraltro che ringraziarli (ma di cosa? Ramazzottianamente , li abbiamo ringraziati solo per la loro esistenza) e ricompensati con uno scntillante cd-r masterizzato di fresco
Alla sera prove fungus, con surreale coda; ci rendiamo conto dell’importanza dei cori, e ci chiudiamo nell’auto di Fabio DOPO le prove per abbozzare polifonie vocali per una buona mezz’ora. Spero che non ci abbia visto o sentito nessuno…

15 aprile 2005

Cinque minuti. Scrivo solo cinque minuti e poi stacco.
Oggi mi sento un po' più anziano del solito, ho appena rinnovato la mia patente, questo significa, a conti fatti, che sulle mie spalle pesano DIECI anni di patente, che sembrano passati in un lampo (tanto per affogare nei luoghi comuni). Mi ricordo perfettamente il mio esame di pratica, con un'esaminatrice al settimo cielo perché la sua squadra del cuore (che è anche la mia, la samp... ma questo è un altro discorso) aveva appena passato un impossibile quarto di finale di coppacoppe, vincendo contro il Porto a Porto , che poi in Italia si chiama Oporto. Ricordo dunque quanto fu facile fingere di saper guidare , mentre il distratto pubblico ufficiale decantava le gesta degli indomiti eroi. E ora sono passati dieci anni precisi.
Chissà dove sarò tra dieci anni. Spero, comunque, di essere da qualche parte.

05 aprile 2005

registrazioni notturne nel fungustudio casalingo. Un'improvvisazione: basso & chitarra & batteria elettronica; devo riascoltarla ma non sono convinto che "giri" benissimo. L'improvvisazione di una decina di giorni fa , invece, non è per niente male. Le manca solo un fade out finale e un titolo.

21 marzo 2005

nelle due ultime settimane:

kevin ayers - shooting at the moon ****
ghost - hypnotic underworld ***1/2
hawkwind - doremi fasol latido *** (che potrebbe essere anche mezzo in punto in più,se non l'avessero registrato nel salotto di casa ;-))
phish - ancora live scaricati ;-))
fabrizio de andrè - non al denaro, non all'amore, nè al cielo ***1/2
peter hammill - incoherence ***
pink floyd - animals ****, torino 13-09-94 (io c'ero!), knebworth 1990
miles davis -milestones ****

la visione casalinga ha proposto:
yellow submarine e le meravigliose visione psichedeliche di beatles e soci
la montagna sacra , ancor più psichedelico e delirante.

08 marzo 2005

copioincollo dalla scorsa settimana:
pink floyd - atom heart mother ****
phish - live vari, scaricati in giro
clash - london calling *** (not my cup of tea, ma non male)
sigur ros - agaetis brjun (non imparerò mai a scriverlo) ***1/2
tom griesgraber - a whisper in the thunder ***
caravan - same ***1/2

mentre questo uichend hanno girato sul lettore :
vari brani floydiani
talk talk -spirit of eden ****
peter hammill - incoherence
pat metheny group - the way up
phish - ancora live scaricati ;-))
fabrizio de andrè - creuza de må ****

22 febbraio 2005

Ieri sera gita a Milano, tra le nevi e le strade ghiacciate. Seratina interessante, con SplendoRe, Griesgraber & Marotta, California Guitar Trio. Dei tre "ensemble" conoscevo solo SplendoRe , duo stickistico estremamente stimolante che gioca fondamentalmente sugli arpeggi e gli incastri ; seguono il fenomenale Griesgraber e l'ottimo Marotta. Il primo è stickista conmpletissimo, ritmico, solista, arpeggiatore e chi può ne ha più ne metta, e usa in modo stupefacente una loop machine creando "strati", ritmici e solistici su cui si sovrappone in maniera mirabolante. Impressionante.
Il CGT è un trio di chitarristi acustici , spesso "sporcati" da effettistica, che passano senza alcun problema dai queen a bach a beethoveen , atterrano coi loro brani dalle parti dei king crimson e strizzano l'occhio a morricone. Notevoli e a tratti proprio emozionanti.
Ritorno, però, col ghiaccio, neveneveneve solo neve, troppa neve, ti arrivava addosso e a guardarla rimanevi ipnotizzato, poi seguivi un camion per cercare una pista che non fosse bianca e un tratto di strada che ti lasciasse andare dritto, ma tornavi nella neve e neve e ancora neve.
Ora sono al calduccio e sta suonando il bel disco di Griesgraber.

14 febbraio 2005

non ho troppa voglia di scrivere stasera...

un breve (mica troppo ) elenco di ascolti . ciò che è senza stelle non è stato ben assimilato dal sottoscritto

thalia zedek, been here and gone
van der graaf generator - h to he, who am the only one **** 1/2
il volo - il volo **1/2
ghost - hypnotic underworld ***1/2
fiery furnaces - blueberry boat ***
roxy music – manifesto
phish – rift
genesis – the way we walk (the longs)
mauro pagani- 2004 creuza de ma ***1/2
jefferson airplane – after bathing at baxter's
bjork – homogenic
camel - mirage ****+
gong - acid motherhood ***


ho risentito Gianni Serino in una "clinic", e probabilmente è lui l'ascolto del mese!
le visioni-->
cinema: una lunga domenica di passioni ****
casalingamente: fratello, dove sei? ***, la leggenda del pianista sull'oceano ***1/2

24 gennaio 2005

la settimana scorsa girarono:
keith jarrett, koln concert ****
germinale, e il suo respiro ancora agita le onde ***
crosby stills nash young, four way street ***1/2
mauro pagani, 2004 creuza de ma *** ½
ELP, brain salad surgery *** +
marillion, marbles *** +

questa settimana:
thalia zedek, been here and gone
roxy music – manifesto
phish – rift
genesis – the way we walk (the longs)
mauro pagani- 2004 creuza de ma
jefferson airplane – after bathing at baxter's
bjork – homogenic

18 gennaio 2005

Ho appena visto l'accoppiata: "il declino dell'impero americano" / "le invasioni barbariche". Direi che anzitutto vanno visti insieme, la continuità sottile che unisce queste storie è in realtà qualcosa di forte; la riflessione disturbante sul bisogno di soddisfare i nostri istinti, ma anche di superare la morte, la paura del dolore, del tempo, della sofferenza. Tutte tematiche annegate in una commedia e mezza, due film molto particolari in cui quello che affiora è poi un senso di disturbo per la melma in cui in fondo rischiamo di sprofondare e sprofondiamo quotidianamente.

Vabbè, scrissi di getto e sono stanco. Domani sono ventinove (visto che la mezzanotte è superata, direi che OGGI , tra diciannove ore è il mio compleanno).

buonanotte